Under 10: in giro pe’ Roma cor Maestro!

23 Dicembre 2018

Quarantasei regazzini, quattro ggenitori, le mamme Albanese e Ventura e li papà Murati e Sangermano che, anziché dedicasse un sabbato in pace so’ venuti cor gruppo in giro pe’ Roma. So’ solo da ringrazziare! E poi Corrado, Davide e er sottoscritto.

Come tradizzione c’enzegna, avemo pijato er tranve a Piazza Mancini pe’ ariva’ ‘n do’ nasce via Flaminia, una delle sette sorelle a noi capitolini morto cara.

Aho, er tempo de scenne dar tranve e subbito se semo resi conto de che razza d’empegno ce sarebbe toccato! Parla’ a ‘n gruppo de scarmanati cercanno de da’ notizzie, racconta’ leggende, insomma parla’ de Roma.

Eccoce ar tridente p’ embocca’ er Babbuino. “Ce lo sapete perché ‘sta via se chiama così? Dovete da sape’ che la statua a metà strada verso piazza de Spagna, er Sileno, è così brutta che i romani l’hanno ribbattezzata er babbuino.

“Dopo, ecchice davanti ar presepe der Pinelli, ottocentesco, e le botticelle appresso, robba da turisti!Stamo a scarpina’ e li regazzini stanno bboni e ascorteno. Arivamo in un lampo a S. Sirvestro pe’ fa’ ‘n tempo a fa’ “buu” davanti alla Macron, sponsor dei lazziali.

“Quanno se magna”, in coro li regazzini, ma dovemo ariva’ ar Campidojo.

A piazza Venezzia ecco l’arbero de Natale che fa tanto chiacchiera’.

Salimo pe’ la rupe Tarpea pe’ affacciasse sur Foro e ariva’ su a piazza der colle. ‘Na sola raccomandazzione, “magnamo ma nun sporcamo”.

E ‘sti regazzini, so’ stati veramente bbravi, sarvo ‘na sana caciara.

Gnente ar confronto de ‘na turista sciroccata in piedi sulla statua del Dio Tevere subbito fischiata e bloccata da li pizzardoni.

Fasse ‘na foto sur pavimento de Michelangelo, er nostro scudetto, è stato inevitabbile.

Ar ritorno, in morti se ricorderanno der nostro passaggio, turisti e romani, pronti a fotografacce e firmacce ner mejo de li  canti de rebby, “Se hai le palle … “, Oh, alele … “. Pe’ stavorta so’ state bandite le osterie!

Ritrovasse a Piazza der Popolo, passando da Ripetta, è ‘n’ attimo e stavorta pe’ pija er trenino della Roma norde e torna’ a casa alla Capitolina.

Stanchi ma felici è er caso de dillo. Nun era facile ma ‘na vorta de ppiù fa’ le cose ‘nsieme nun fa’ senti’ ‘a fatica e te fa’ diverti’.

Ce resta ‘r tempo de fa’ merenda e de chiacchiera’, ‘n pace pe’ ‘na vorta,  tra adurti.

Bbene, semo veramente soddisfatti, è ito tutto liscio, mo potemo anna’ ‘n vacanza pe’ rivedesse l’8 gennaio. Riposamose, pe’ ariva’ a ggiuggno è lunga.

Tanti auguri, veramente de core, a tutti!

Andrea Lijoi

309 visite
  • BMW Motorrad_m
  • agenzia fondo bianco
  • UNIPOLSAI
  • Logo_ciulli
  • ciesse_m
  • RGR
  • ferrarelle-1024×724
  • zaccagnini
  • FONDAZIONE BIOMEDICA FOSCAMA
  • sorelle salerno
  • British Institute of Rome
  • FREE YOUR MIND
  • marchio2.0

PROSSIMI EVENTI

Calendario completo

Riservato ai Soci

Latest Video

4 utenti In linea