Il Bottacin visto da Lorenzo

8 maggio 2017
FacebookTwitter
L’appuntamento era alla Capitolina per poi partire con il pullman.
Il viaggio ci è sembrato durare veramente pochissimo perché ci siamo divertiti molto e abbiamo fatto anche una lunga sosta all’autogrill.
Appena arrivati abbiamo notato che l’hotel era molto bello e pulito.
Gionata ci ha assegnato subito le stanze così ci siamo sistemati. Dopo cena siamo andati subito a letto ma non riuscivamo a dormire perché sapevamo che il giorno dopo avevamo il torneo più importante dell’anno.
La mattina, dopo aver fatto una bella colazione tutti insieme, il pullman ci ha portati al bellissimo impianto del Petrarca, eravamo veramente elettrizzati.
INIZIA IL TORNEO
Abbiamo iniziato il torneo cantando gli inni di Italia, Francia e Irlanda nel meraviglioso campo centrale, gli spalti erano stracolmi di persone e in campo eravamo tantissimi rugbisti, tutti emozionati e impazienti di cominciare a giocare.
La prima partita del girone l’abbiamo disputata contro il Firenze e abbiamo vinto facendo una partita eccellente, poi abbiamo giocato contro l’Este e abbiamo nuovamente vinto facendo molte mete.
Dopo abbiamo incontrato il Viadana, una delle due squadre forti del nostro girone, la partita è stata molto combattuta infatti abbiamo pareggiato anche se forse meritavamo di vincere.
Poi abbiamo giocato contro l’Udine e abbiamo sempre vinto, alla fine del girone abbiamo incontrato il Parma e purtroppo abbiamo perso per una sola meta, questa partita era molto importante perché con una vittoria saremmo arrivati primi del girone.
Dopo una lunghissima attesa nel pomeriggio abbiamo disputato le tre partite per arrivare al 17° posto.
Abbiamo giocato la semifinale con il Parabiago e abbiamo vinto facendo molte mete.
Finalmente la finale del nostro girone contro il Nuovo salario, la partita è stata molto combattuta ma abbiamo vinto noi, allora tutti contenti abbiamo fatto l’ola verso il pubblico anche essendo arrivati diciassettesimi, perché la cosa che conta è divertirsi e giocare di squadra.
 
Lorenzo Siciliano
FacebookTwitter
182 visite